Desiderio

Toccami,
sfiorami con la tua arte
non solo con la materia
di cui ne sei parte.
Amami se vuoi.
Fai come la foglia
che scalda l’anima e
bagna la vita,
quando s’accascia al suol,
nel sol silenzio del vento
si sente tradita.
Sfiorami,
fai come il vento
che accarezza le ombre
i lidi del cuore mentre tu
vorresti sentire con mano
il battere del cuore.
Ingordo il tuo amore
che non è mai abbastanza!
Mentre io figlia del vento
resto appesa
nel tempo e, contemplo.
Aspetto che la tua mano
colga il desiderio…
e come polvere si adagi
sulla nuda materia.
Velato non è il corpo,
esso è un isola di forza
che si adagia
mentre avvinta l’anima
ascolta
il desiderio del cuore.

Gina Scanzani
image

Annunci

Ricordo amaro (introspettiva lettura del ricordo)

Scrivo al vento, vado col tempo,

come quest’aria che nostalgica mi prende.

Soffoca il cuore, che stringe e annaspa,

in questo mare di ricordi si perde,

ora che il vespro scende,

si racchiude tutto solo dietro a un ciglio.

Sovrano ricordo, amico di sempre,

non so descriver quanto mi preme,

non so parlare col fiato corto,

ho in seno un cuore ferito.

24.settembre.2015 Gina Scanzani (Ricordo amaro)

ilgabbiano_titolo[1]

Nostalgia

Per troppo tempo,
ho trascorso ad asciugare la fronte,
nei giorni con me arenata,
anche la lacrima
ormai ceduta è stanca.
Ma non te mia cara,
che nel cuore hai atteso
il mio ritorno!
Anima inquieta,
hai dissipato ogni dolore
senza nasconderti,
mentre tremula
ancora scende la goccia.
Tu fiorisci quando ti penso,
nostalgico fiore del pensiero,
nutri l’anima del tuo tempo,
travolgendo i giorni,
sul tuo destriero porti nostalgia.
-ginetta66-
post_3

Tutto vive (Rima)

Un cuore muto, vive,

non frizza d’armonia,

anche se, in esso, tutto vive.

Il cuore, sazia il dolore,

ti scalda e sorride in ogni istante,

la vita travolge,

le emozioni coinvolge.

L’anima spinge nel suo giaciglio,

nella sua tana a cercar riparo,

Il cuore una spugna,

assorbe il dolore sprigiona amore,

s’apre e si chiude come un petalo a sera,

ogni momento di vita vive con te.

©ginetta66

Donna – 08.marzo (Pensiero sulle donne)

Quante donne,

naufraghe della vita,

eroine di ogni giorno,

approdano per caso

nella via del non ritorno?

La vita le pone a dura prova,

tace per un giorno… quieto il dolore,

in un fiore si nasconde l’evidenza,

in quel giorno cela il terrore.

Il passato travolto da una coltre gialla,

riemergerà appassito.

E tu donna di  sempre,

pronta a soffrire ritornerai,

intorno a te nessun eco,

quando ad altrui si chiederà,

semplicemente rispetto.

©ginetta66

2219e-430820juej7k0s9w