Serenità

Nella pace della sera
si placa il mio cuore,
nei ricordi del passato si adagia,
si sofferma il mio pensare.
In quell’aria fievole e trista
rimembranza ora si perde.
La sera mi concilia
il calore domina,
mentre il dolore vacilla.
Arretra la paura,
che avanza con me
nell’effimera ricerca della serenità.
25.dicembre.2013
Gina Scanzani – Fonte: Riflessi dell’Anima
img_20170219_234732.jpg
Annunci

Brilla il sole

Brilla il sole
si rischiara la mente,
nel cinguettio,
felice si perde.
Un raggio giunge e mi desta,
scalda ogni idea,
che accompagna il mattino
tra le ore annaspa giocoso.

©ginetta66

Viola di marzo

Dietro quel muro
sono nascoste le viole,
colorate profumate, leggere,
mi guardano, salutano la sera…
Giace fermo,
nel tumulto il mio pensiero.
Colmo di serenità
lo sguardo incanta,
da quel colore purpureo
la mente si rinfranca.
Timidi petali
leggiadri e sinuosi si fregiano
in quello spicchio di sole,
si confondono all’aria
tra mille profumi
mentre sboccia marzo.

©ginetta66

Quel giorno sull’Etna

wpid-cam00893.jpg
foto personale
CAM00885
foto personale

Sopra le nuvole ho camminato,
La dove il soffio tuo scaldava,
il cuore mio di stupore palpitava.
Le tue viscere incutevan timore,
ma non facevi paura,
-tanto il fascino per i tuoi colori ardenti,

che i miei occhi volevano ridenti.

Quel giorno, l’aria era mesta non nitida,

un ricordo che porto nel cuore,

ogni volta penso a te Etna…

il vulcano, che mi hai dato le ali

facendomi volare tra le nubi.

©ginetta66

27.agosto.2015 – di ritorno dalla cima dell’Etna durante la vacanza “StareAssieme 2015”

Petali

Petali soffici
come le ali di una farfalla
spumeggianti
al sole si vantano.
Gli occhi fissi,
ritrovano leggerezza,
in questo anfratto di tempo,
nel mirar la gentilezza.
Tutto sfuma ai miei sensi …
sibilla quella rosa,
che tutta sola mi guarda,
spegne il verde
e accende lo sguardo
nel miraggio il mio vagare
s’incanta.
5.maggio.2015

Giardino

Balnea come pioggia leggera,
la rugiada in primavera.
Si rincorre festosa,
con tratti e colori
tra spruzzi di sole,
e smerigli di luce.
Giochi ormai noti,
che solo la primavera conduce e regala,
quando il petalo si bagna e
splende come una lacrima.
Tra cime colorate e profumate,
il fresco fiore domina l’ombra,
bianco e candido come la neve,
inciampa lo sguardo dei miei occhi stanchi.
In essi mi rifletto sobria,
quel candido e fresco biancore,
che nel rigoglioso giardino
stempera il cuore.
-ginetta66

Primavera ritratto

Ti ritraggo così,
vestita di verde rosa e lillà,
come gli anemoni sparsi qua e la,
vesti i colori freschi profumati.
Al riflesso del sole,
si spianta il mio sguardo,
su quel ciuffo colorato
leggiadro s’incanta.
Tutto si intreccia e avanza,
la primavera si respira
tra viole di marzo,
e freschi profumi,
che il sole timido saluta.

-ginetta66-