Gli inseparabili

Aria e terra,

una unione che fa di noi

un’inseparabile insieme.

Già, Inseparabili,

tanto la vita ci accomuna

quando i passi si allontanano…

Troppo spesso la vita si perde

quando distanti nell’aria

le nostre ombre si alzano.

In quell’aria così viva

la terra tu accogli e consoli, amico…

e come il cielo sei Inseparabile,

sei la che unisci

e avvicini il cuore all’animo.

©ginetta66 02.feb.2018

OLTRE LE PAROLE

Oltre le parole
il sostegno vola,
si stringe nell’insieme,
tra voci incredule e spaventate,
va oltre il semplice abbraccio.
Dare se stessi per gli altri
può essere poco,
ma nel bisogno è tutto.

©ginetta66 23 marzo 2017

P.S. la poesia è messaggio in codice

Ritorno

4568_107885551296_99924666296_2440057_5918437_n
Trambusto e stanchezza
si avvicendano ora
che il gioco è  tratto,
tutto appare ancor più distratto.

Pare, che il velo su quel viso,
sia sulla strada del ritorno,
pur lieve e meno importante…
di quella dell’andata.

A me sembra ieri,
che all’andare mi accingevo a partire,
eppure già mi ritrovo sulla via del ritorno,
mentre scandisco queste parole,
il tempo è già fuggito.

28.agosto.2015 ©ginetta66

Sorseggiare il libro. (Pensiero)

Sorseggiare il libro è emozionante.
Così mi hai scritto, mi hai lasciato il tuo commento, che a me sembrato udirlo, senza parole sono rimasta.

Parole queste che, così come scritte non hanno bisogno di risposte, semplicemente è emozionante leggerle e condividerle, come una cosa bella e preziosa un piccolo e nobile gesto che vale la pena di ricordare.

Ancora grazie, ©ginetta66

Parole che restano

Parole che restano,
tra le righe citate,
con un lapis spuntato
appena appena fermate.
Così d’impulso, ho scritto,
mentre il tempo scorreva,
la mente dettava
pensavo a te, al tuo regalo.
Solo parole come sigilli,
affrancate alla vita,
al tuo cuore sorpreso,
un dono scolpito.
Regalo più grande
non sapevo donare,
nulla di più, solido e vero
quanto una scia di parole.
Parole che restano,
a lungo citate, dirette al cuore
frangendo il riflesso del tempo
che di me é pegno il tuo amore.

©ginetta66

"Senza" – (pensiero attuale)

immagini_birba_karen 790

Senza far niente,
giravo i pollici.
Pensavo alla vita,
che funesta si avvistava,
come la fiamma del fuoco,
che lento o vivace – ardeva.

Senza parole,
sono rimasto a pensare.
Ai giorni gai, scorsi con te,
a quel nostro amore
che tenevamo in vita,
senza temere alcuna dipartita.

Senza quel poco
o quel niente,
non sarei nulla…
un’animo vago,
né felice né libero,
come un’aratro che,
arido tace, senza far nulla.

©ginetta66

Libere emozioni

Son qua con voi,
ascolto il cuore,
lascio spazio alle parole,
che ora parlano al cuore.
La mia mente si unisce,
al suono che non tradisce,
si ascolta sereno,
Parole così esternate,
escono dalla fonte
nel silenzio sentite,
come libere emozioni.
©ginetta66