Panorama

Il panorama è uno spazio

dove distendere gli occhi e affondare i pensieri, 

dove scolpire i dettagli e inutili particolari.

Un panorama non è solo bello da vedere,

bensì è importante da viversi.

Panoramico è il mondo di chi scrive,

che come l’occhio non si stanca mai di scrutare.

Gina Scanzani 27.11.2018

Annunci

enigma

Se avessi pensato
che non avevo scelta,
perché dovevo scegliere
se dartela vinta
o far fingere d’essere vinta,
mi sarei persa la gioia di vivere.
Ma oggi so che non t’ho perduta!
So questo, e so quanto mi sei cara vita.
E so anche,
che per viverti sino in fondo
bisogna vederti avvolta di mistero,
vivere così quell’enigma che mi tiene in vita.

gina scanzani 27 marzo 2017

Sempre lo stesso

Ogni volta
frastuoni irrompono
latrati si spandono.
Ogni volta quel giorno s’attende,
in un segnale di rinascita,
che spegne ogni tuono
mentre il fulmine si accende!
Ogni volta
sempre lo stesso giorno,
con la stella del mattino
si rinnova il buongiorno
in un nuovo cammino.

©ginetta66  – 02 gennaio 2017 n°1

 

Madre

Il volto celato insidie e sogni,
così tranquilla non appare.
L’animo nasconde e traspare,
quanto il saggio cuore
che palpito va mormorare.
La dolcezza lasciare interdetta,
allor che le intenzioni sono ferme
miro l’abisso degli occhi,
sfavilla la gemma dell’amore tuo,
in questo mare di incertezze.
Madre che sei come ti vedo
ti immagino con lo sguardo cieco,
taccio all’anima.
Fonte Evoluzioni, gina scanzani 5.11.2015

poesia-e-mistero

Il viaggio della vita

 

fb_img_1453024517291

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra tanti viaggi che mi sono apprestata a fare
quello della vita è senza dubbio il più bello.
Allegro vivace misterioso e doloroso,
che senza d’esso non muoverei alcun passo.

Nel viaggio della vita non si è mai soli,
comincia con un gemito e
termina con un sospiro…
ad ogni tappa si gioca un arrivederci.

Gradito o inaspettato quel saluto non saprei,
dipende da come si ammansisce il cuore
mentre il viaggio incede nel suo cammino.

Ho percorso vie e solcato strade a me gradite,
poco o assai, poco vale… per arrivare a questi passi,
ove per vie traverse sono giunta a te
senza fermarmi dove il sole picchia.

La dove il fremito sobbalza
si voleva spogliar il corpo
su un lapidario scalzo… Oh vita!

Risposi al tempo con tenacia,
sulla strada del tramonto
che a metà viaggio si faceva bruta,
ed io mai avrei creduto a cotanta tempra.
Tutt’altro che viaggio di piacere!

Ma ora che l’orma m’è passata accanto
vinta, mi sento come l’aria che respiro,
libera canto alla vita,
mentre cammino tra alberi e fiori, canto alla gioia infinita.

Gina Scanzani 29.09.2016

Ho discusso con l’anima

Ho discusso con l’anima
quando al tacer delle tenebre
prona mi sono seduta,
cinta a te riversa.
Oh anima… mi sento persa!
Ho discusso, ché
come dissi quel giorno…
son mere, flebili le mie ore
in quello spazio che tu vedi
a me non basta,
l’aria in sé non sazia!

24.09.2016 ©ginetta66

E’ nell’aria

Nell’aria stanca ormai da tempo
si rinnova il pensiero,
che impone cambiamenti.
Frivoli richiami, al sussurrare del tempo.
Sospiro pesante, (ma non troppo)
ora che vicina alle idee mi sento,
brilla in me una radiosa luce.
Ogni pagina bianca verrà riempita,
ogni emozione sarà scolpita,
nulla al fato sarà lasciato,
dal tempo ogni stanchezza verrà ingoiata.

03.gennaio.2015

©ginetta66