enigma

Se avessi pensato
che non avevo scelta,
perché dovevo scegliere
se dartela vinta
o far fingere d’essere vinta,
mi sarei persa la gioia di vivere.
Ma oggi so che non t’ho perduta!
So questo, e so quanto mi sei cara vita.
E so anche,
che per viverti sino in fondo
bisogna vederti avvolta di mistero,
vivere così quell’enigma che mi tiene in vita.

gina scanzani 27 marzo 2017

Annunci

Figure

fb_img_1455455603349

Figure,
enigmatiche speranze
tracce di vita
si rincorrono nei giorni,
nella mandria del silenzio
si perdono,
allorché notate
nella nebbia si disperdono.
Passionali, graziose,
figure di donne che amano,
seducono
avvolte da una fiaba, aspettano
quel principe azzurro,
che mai incontreranno.
Figure,
serve dell’unione
fanno loro la forza dell’amore,
seppur prede ingiuste
d’una feroce mente.

©ginetta66 – 17 febbraio 2017

 

Il viaggio della vita

 

fb_img_1453024517291

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra tanti viaggi che mi sono apprestata a fare
quello della vita è senza dubbio il più bello.
Allegro vivace misterioso e doloroso,
che senza d’esso non muoverei alcun passo.

Nel viaggio della vita non si è mai soli,
comincia con un gemito e
termina con un sospiro…
ad ogni tappa si gioca un arrivederci.

Gradito o inaspettato quel saluto non saprei,
dipende da come si ammansisce il cuore
mentre il viaggio incede nel suo cammino.

Ho percorso vie e solcato strade a me gradite,
poco o assai, poco vale… per arrivare a questi passi,
ove per vie traverse sono giunta a te
senza fermarmi dove il sole picchia.

La dove il fremito sobbalza
si voleva spogliar il corpo
su un lapidario scalzo… Oh vita!

Risposi al tempo con tenacia,
sulla strada del tramonto
che a metà viaggio si faceva bruta,
ed io mai avrei creduto a cotanta tempra.
Tutt’altro che viaggio di piacere!

Ma ora che l’orma m’è passata accanto
vinta, mi sento come l’aria che respiro,
libera canto alla vita,
mentre cammino tra alberi e fiori, canto alla gioia infinita.

Gina Scanzani 29.09.2016

Una notte strana

Questa è una notte strana,
dove il pensiero come rana
salta lontano
negli anni passati,
riaccende eventi mai evasi.
Seppure il cuore,
come un muscolo
ha perso potenza,
si sente vibrare l’anima
di pura essenza.
Vita che perdi,
in un colpo solo,
nell’aria ritrovi,
tra cime bianche e
una luna in calore.

©ginetta66

Frammenti_top

Dove?

Se sapessi dove… ti cercherei…

là dove solo la gemma del mio canto si riflette.

Se sapessi dove… implorerei lo sguardo,

mentre l’anima mia si accende nel tuo ricordo

che vivo intona le note di un’Ave Maria.

Dove? Dove sei creatura mia?

Dove cercarti nell’ignoto spazio

se non nel sogno che mi accompagna vivo?

Son ribelli quei ricordi,

crudeli come la rabbia che ora mi pervade,

quando al tramonto un raggio di sole

un battito d’ali,

lascia svanire la rimembranza.

05.maggio.2016

©ginetta66

Petalo di vita

Petalo, di vita sei parte,
come un fiore una pianta,
tieni viva la mia esistenza.
Petalo di armonia che ritrovo ogni giorno,
quando il vento fischia e
suona il canto di un’armonica.
Petalo che si svela al chiarore della notte,
mi abbraccia in ogni momento.
ginetta66

wpid-cam0040901.jpg.jpeg

NETTARE PER L’ANIMO

Ritrovare una parola amica,
nella debolezza,
è come nettare di vita,
che nutre l’animo…
quando la fiducia
sembrava smarrita.

©ginetta66

881519sipvm1kknv